Castel del Monte è uno dei tanti castelli costruiti nel sud Italia nel XIII secolo da Federico II, imperatore del Sacro Romano Impero. È considerato il più grande dei suoi castelli ed è un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO. Normalmente scriverò prima la destinazione e i dettagli del viaggio. Tuttavia, Castel del Monte è nel bel mezzo del nulla e arrivare lì sarà la cosa fondamentale nella mente dei visitatori. Quindi qui aggiungerò informazioni dettagliate sulle opzioni di trasporto, seguite dalle informazioni sul castello stesso.

Abbiamo visitato Castel del Monte nel maggio 2008. Le guide alludono alla quasi impossibilità di raggiungere il castello senza una macchina, parlando senza molto ottimismo sui servizi di autobus stagionali. Visitando un ufficio di informazioni turistiche a Bari, ci siamo incontrati con oscure alzate di spalle e pessimismo: “Difficile senza una macchina”. Per fortuna avevamo fatto un sacco di pesca a strascico da internet prima del nostro viaggio e armati di stampe e spavalderia, siamo partiti in treno. E forse siamo stati fortunati, perché in realtà sembrava sorprendentemente semplice.

La città più vicina a Castel del Monte è Andria, circa dodici miglia a nord. È una città abbastanza piacevole, ma Bari o Trani sono migliori basi durante la notte. Da queste due città è possibile raggiungere Andria in autobus o in treno. Da Bari, prendere la ferrovia regionale chiamata Ferrovie Nord Barese che ha una stazione accanto alla stazione ferroviaria principale. Acquista il tuo biglietto presso un chiosco al livello della strada, quindi scendi al piano di sotto per i treni, che seguono una rotta interna verso Barletta, raggiungendo Andria dopo circa un’ora

Non dimenticare di convalidare il biglietto in una macchina prima di salire a bordo. Dovevamo cambiare carrozza a metà del viaggio; il conduttore era disponibile e si assicurava che tutti sapessero cosa fare. Per arrivare ad Andria in treno da Trani, è necessario prendere il servizio di linea FS per Barletta e cambiare lì per la linea locale. Ci sono anche servizi di autobus che collegano le città gestite da un’azienda chiamata STP.

Autobus da Andria a Castel del Monte – la nostra esperienza: nella stazione ferroviaria di Andria (con nostro sollievo) l’uomo in biglietteria era a conoscenza degli autobus per Castel del Monte. Abbiamo seguito le sue istruzioni e siamo usciti dalla stazione. A pochi metri lungo la strada a sinistra c’è un bar chiamato Cafe le Plaisir. Qui una cameriera amichevole ci ha venduto i biglietti dell’autobus e ha confermato la precisione del nostro orario degli autobus internet. Siamo quindi tornati alla stazione ferroviaria e abbiamo aspettato direttamente fuori per l’autobus. Erano quasi venti minuti di ritardo e temevamo il peggio, ma poi è arrivato un piccolo minibus intelligente e siamo partiti.

Orari e percorso: Il servizio di autobus Andria-Castel del Monte è il numero 6, che viene eseguito solo nei mesi estivi (da aprile a maggio o da settembre a ottobre, a seconda dell’orario in cui si crede). Gli autobus passano più volte al giorno e si fermano appena fuori dalla stazione ferroviaria di Andria. Il viaggio dura circa mezz’ora. Dalla stazione ferroviaria (‘Stazione Bari Nord’ negli orari) l’autobus si dirige attraverso le strade di Andria e lungo la lunga strada di campagna che porta al castello. Appena fuori città ci sono alcune grandi case nuove con recinzioni ad alta sicurezza. Più avanti c’è un bel paesaggio agricolo di uliveti e pascoli. L’autobus si inerpica verso il castello e si ferma vicino al bar-ristorante. Non c’erano altri turisti sui servizi che abbiamo catturato: solo tre operai del ristorante e due vecchi che ritornavano ad Andria dopo il lavoro sulla terra.

Anche se il nostro viaggio è andato senza intoppi, consiglio vivamente ai viaggiatori di cercare gli ultimi orari prima di partire. Link utili sono inclusi nel nostro pannello dei collegamenti sulla destra – sfortunatamente non tutte le pagine ufficiali vengono aggiornate molto spesso. Abbiamo trovato l’orario più aggiornato online sulle pagine in lingua italiana del sito web del comune sotto la voce “Trasporti”, anche se il sito web Pro-Loco è stato aggiornato anche un paio di settimane più tardi. Scorri verso il basso la pagina ‘trasporti’ del comune e scegli il calendario per ‘Linea 6’; si noti che l’orario delle domeniche e dei giorni festivi (festivi) è diverso ed è elencato dopo l’orario del giorno feriale e del sabato. Abbiamo iniziato a Bari con il treno delle 8:59, e poi abbiamo preso il servizio di autobus a causa del passaggio della stazione ferroviaria di Andria subito dopo le 10:10, e siamo tornati da Castel del Monte – avendo controllato l’ora con l’autista – alle 12:20. Dopo questo tempo c’è stato un grande divario fino al prossimo servizio.

Federico II, imperatore del Sacro Romano Impero e re di Sicilia, è una delle figure più impressionanti della storia italiana. Conosciuto come “Stupor Mundi” (Meraviglia del mondo) per il suo apprendimento e la sua cultura, era un uomo del Rinascimento in anticipo sui tempi. Nella sua corte ha incoraggiato le arti e la riscoperta della civiltà classica. Parlava diverse lingue e studiava e scriveva su una vasta gamma di argomenti, dall’astronomia alla falconeria. Federico costruì una serie di castelli attraverso la Puglia, e la maggior parte delle possenti fortezze sulla riva del mare che incontrerai risalgono al suo regno del tredicesimo secolo. Castel del Monte, costruito intorno al 1240, è il più grande e il più strano. Non ha una funzione militare evidente, in piedi da solo su una collina senza insediamento o porto da proteggere. Invece di caratteristiche difensive standard il castello ha finestre e alcune fessure di freccia impraticabilmente profonde. Il suo design è strano, e questo, unito al noto amore per l’apprendimento di Frederick, ha portato a ogni sorta di speculazione sui significati e sul simbolismo. Il castello è ottagonale, con otto torri angolari ottagonali e otto stanze su ogni piano, attorno a un cortile centrale.

Tra le stranezze di Castel del Monte c’è la sua disposizione: i visitatori procedono da una stanza all’altra in un anello attorno al cortile: al piano superiore c’è un muro senza porte che significa che non è possibile completare il circuito. Gli spazi vuoti trasportano il suono da una parte all’altra dell’edificio. Dal primo piano, finestre a bifora si affacciano sulla pianura sottostante, con una finestra a tre bifore rivolta ad Andria. L’interno era più ornato di quello che ora appare, arricchito con intagli, marmi e mosaici. Rimane un po ‘della decorazione, o è stato ripristinato, compresi cornici colorate per porte e caminetti: basta dare un’idea di quanto grande fosse l’edificio.