Le Grotte di Castellana sono un’attrattiva da non perdere nella provincia di Bari. Situato nella valle d’Itria vicino alla città di Alberobello, questo splendido complesso di grotte sotterranee di origine carsica è uno dei più grandi del suo genere in tutto il mondo.

Questo sistema di caverne lungo 3 km presenta una serie di passaggi e camere situate a 70 metri sotto terra e dominati da file di stalattiti che pendono come aghi giganti, con scintillanti pareti di cristallo, laghi sotterranei e enormi stalagmiti che si ergono dal pavimento roccioso. Questo sito fu scoperto per la prima volta nel XVIII secolo, ma non prima del 1938 gli speleologi Franco Anelli e Vito Matarrese si diressero verso la Grotta Bianca, una camera mai vista prima. Le grotte sono state aperte al pubblico poco dopo e da allora sono diventate una grande attrazione, attirando ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo.

La visita guidata esplora uno straordinario mondo sotterraneo, dove caverne, canyon, fossili, stalattiti e stalagmiti in colori e forme sorprendenti catturano l’immaginazione di bambini e adulti. Le Grotte ospitano anche la fauna caratteristica, i pipistrelli in particolare – innocui per i visitatori – così come rare specie di piccoli crostacei e una speciale cavalletta cavernicola.

Per visitare le Grotte di Castellana, aperte tutto l’anno tranne il giorno di Natale, è disponibile una scelta di due itinerari: il tour completo dura circa 3 km e impiega quasi 2 ore; la versione più corta è lunga circa 1 km e dura 50 minuti. Per entrambi gli itinerari, l’ingresso avviene attraverso un enorme tunnel verticale di sessanta metri noto come l’Abisso. Una delle sezioni più impressionanti delle Grotte di Castellana è la Grotta Bianca, che prende il nome dal ricco alabastro bianco che la allinea. Le formazioni più originali includono le “stalattiti eccentriche”, che sfidano le leggi di gravità: crescono lateralmente, in alcuni casi poi verso l’alto, creando forme spettacolari.

Il biglietto intero è di € 16, mentre il percorso più breve è di € 12. I bambini sotto i 5 anni possono entrare gratuitamente e i visitatori fino a 14 anni possono accedere a prezzi ridotti. Da aprile a settembre, sono disponibili brevi tour in inglese alle 9:30 am, alle 13:00, alle 14:30 e alle 18:00, mentre i lunghi tour sono previsti alle 11:00 e alle 16:00.

Una visita alle Grotte di Castellana è sicuramente un’occasione da non perdere, per vivere uno dei luoghi più naturali e sorprendenti della Puglia e di qualsiasi parte del mondo. Prenota il tuo volo per Bari con le nostre offerte speciali e goditi la tua visita a Castellana.

Esplora l’Italia sotterranea con una visita alle Grotte di Castellana, un sistema di grotte di inestimabile importanza per il patrimonio naturale mondiale. Queste grotte calcaree, scoperte nel 1938, sono la più lunga rete di passaggi sotterranei naturali del paese. Le grotte pullulano di un’enorme varietà di animali selvatici nativi e contengono una straordinaria gamma di paesaggi sotterranei, con alcune delle più sorprendenti formazioni di stalattiti e stalagmiti.

All’interno di queste caverne, la luce naturale fluisce attraverso il soffitto, filtrando nell’oscurità e creando curiosi effetti visivi, che cambiano in base all’ora del giorno e alla stagione. Da non perdere la cosiddetta “Grotta Bianca”, che è spesso descritta come la grotta più luminosa del mondo a causa del candore delle sue pareti in alabastro. Le visite guidate sono disponibili tutti i giorni, ma assicuratevi di controllare il sito web ufficiale per gli orari esatti prima di effettuare il viaggio. Il nostro sito web di Trip Advisor di Castellana Grotte rende semplice la visita a Grotte di Castellana e altre attrazioni di Castellana Grotte e ti aiuta a rendere un piano di viaggio personale.

Molto più che semplici grotte e caverne, le grotte di Castellana sono spettacolari. Sono tra i più importanti e belli d’Italia. Per quanto riguarda le loro origini, potremmo iniziare col dire che la Puglia è stata completamente sommersa dal mare in epoca preistorica. Le acque gradualmente si ritirarono e la terra, che era già segnata dall’erosione, cambiò aspetto. Vento, pioggia e altri elementi atmosferici lo hanno modellato, e la calce portata dall’acqua piovana ha fatto il resto, creando un capolavoro. Una serie di cavità rivestite in una miriade di concrezioni dalle forme e dai colori più sorprendenti: stalattiti che pendono come gocce di rugiada cristallizzate e stalagmiti, formazioni che salgono dal basso come cavatappi. Alcune sezioni assomigliano a colonne di marmo.

Piccole e gigantesche sculture che sembrano opera di grandi scultori o di meticolosi gioiellieri e incisori. Invece, questo è il lavoro della natura. L’umanità l’ha solo scoperto e ha fatto molto per preservarlo. Per molto tempo, gli abitanti del luogo rimasero lontani da queste grotte, preda dell’ansia e della paura instillate dal folklore per secoli. Dovevano essere la casa di mostri, animali misteriosi e streghe, e persino l’ingresso degli inferi, forse a causa delle piume di fumo grigiastre che emanavano e che, con un po ‘d’immaginazione, potevano essere scambiate per fantasmi o strane creature. Ovviamente, non c’era nulla di questo tipo. Le grotte sono state scoperte solo 80 anni fa, quando, nel 1938, l’esploratore di grotte Franco Anelli scese sul fondo della Grave di Castellana, un profondo pozzo carsico che dava accesso a questo impressionante mondo sotterraneo: 60 m di altezza, 100×50 m largo nella parte inferiore e 12×14 m nella parte superiore. L’inferno non è stato trovato, ma piuttosto alcune straordinarie creazioni naturali!