Un’esplorazione della bella Valle d’Itria (paese dei trulli!) Non sarebbe completa senza una visita a Martina Franca, la città più grande della zona. Più vivace dei suoi tre illustri vicini, Alberobello, Locorotondo e Cisternino, è stato a lungo il centro commerciale della zona, sin da quando Filippo d’Angiò lo ha concesso esentasse e vari altri privilegi nel 1310.

Ora che Franca era stata aggiunta al suo nome, la vecchia Martina attirava presto nuovi residenti, tra cui famiglie nobili e uomini d’affari. Palazzi eleganti (almeno 20 di nota) e chiese (oltre 15) hanno iniziato a sorgere in tutto il centro storico, testimonianza della nuova ricchezza che scorreva nella città. Fino alla riunificazione dell’Italia nel 1861, Martina Franca era una città completamente murata, con 24 torri e quattro porte. Mentre si evolveva per soddisfare esigenze più moderne, tuttavia, alcune di queste torri furono rimosse e altre strade di accesso perforate nelle pareti. Tuttavia, esistono ancora le quattro porte rinascimentali e barocche, che delineano in modo efficace la città vecchia dalla parte più moderna del 19 ° secolo della città, che ha anche alcuni edifici raffinati e un parco ombreggiato.

Di fronte al parco si trova l’ampia distesa alberata di Piazza XX Settembre, che conduce attraverso la Porta di Santo Stefano (una delle quattro porte) in Piazza Roma, sede dell’impressionante Palazzo Ducale seicentesco. Da qui è una breve passeggiata per le strette vie fino a Piazza Plebiscito, il vero cuore della città e sullo sfondo il suo capolavoro, la deliziosa Basilica di San Martino. La sua facciata intricata, color sabbia, in stile über-barocco è estremamente bella, soprattutto se illuminata dal sole della sera.

Da questa splendida piazza, ti consigliamo semplicemente di seguire il tuo naso e immergerti nell’atmosfera, fermandoti, forse, per un rinfresco in uno dei tanti caffè all’aperto … Non ti pentirai di essere venuto! Una cosa che devi provare o acquistare prima di lasciare Martina Franca è un capocollo, una specie di prosciutto crudo che è l’orgoglio della città. Menzionalo a qualsiasi locale e i loro volti si illumineranno!

L’ingresso principale al centro storico (centro storico) avviene attraverso una grande porta storica, Porto Santo Stefano (chiamato anche Arco di Sant’Antonio), in Piazza XX Settembre. Nella piazza e nel parco fuori dalle mura della città, i vecchi si riuniscono e chiacchierano. Appena dentro la porta c’è la graziosa Piazza Roma, su un lato dominata dal Palazzo Ducale, il più grande edificio civico di Martina Franca. Costruito nel 1668, questo era un tempo il palazzo della famiglia Caracciolo, i duchi che presiedevano i giorni di gloria della città. Oggi ospita il municipio, una biblioteca e l’ufficio informazioni turistiche di Martina Franca.

Una mappa dall’ufficio informazioni turistiche delinea un breve tour a piedi del centro storico, ma in realtà si potrebbe anche dare un’occhiata alla mappa e poi vagare. Abbiamo trovato la signora nell’ufficio di informazioni turistiche temporaneamente trasferito per essere molto disponibile e ben equipaggiata con volantini, orari degli autobus e informazioni. Tra i volantini pubblicitari sono state organizzate escursioni alle masserie (proprietà agricole) nelle campagne vicine – una bella idea se si soggiorna localmente.

Il santo patrono di Martina Franca è San Martino (San Martino), generalmente rappresentato a cavallo che condivide il suo mantello con un mendicante. Noterai l’immagine alcune volte in città, tra cui un grande bassorilievo sulla facciata della Basilica di San Martino, la chiesa principale di Martina Franca. La basilica si trova proprio nel cuore del centro storico in Piazza Plebiscito. Il grande edificio barocco risale al XVIII secolo, anche se è stato premiato con la ‘basilica’ solo nel 1998. La facciata è fortemente ornata e anche l’interno è decorato: cercate pappagalli di cherubini e falsi altari in marmo. I turisti dovrebbero anche visitare e ammirare un’altra chiesa vicina: la Chiesa di San Domenico, anch’essa settecentesca e stravagante.

Il centro di Martina Franca è affascinante e vale la pena girovagare per un’ora o due, con le macchine fotografiche già pronte. La parte più antica della città è chiamata Lama, dove è ancora possibile vedere gli edifici a tetto a punta che sono una tradizione locale. Girovagando per le viuzze e i vicoli si passa ai palazzi settecenteschi, alcuni dei quali sono malandati con l’età, così come le abitazioni più umili. Tutti sono alti e stretti insieme in questa piccola area all’interno delle mura della città vecchia. I balconi decorati e gli archi decorano gli edifici più eleganti, insieme alle fantasiose finestre barocche e quei onnipresenti cherubini. Il centro ha un’atmosfera vissuta, con il bucato e talvolta i prodotti alimentari appesi ad asciugare all’aperto. Anche se è per lo più pedonalizzato, a volte appaiono piccoli camion di scimmie a tre ruote che si gettano in modo allarmante lungo le strette viuzze; lastre di metallo sono avvitate su pareti per proteggere gli edifici dagli urti dei veicoli che passano.

I migliori aeroporti per Martina Franca sono Bari e Brindisi, entrambi serviti da compagnie low cost del Regno Unito. Martina Franca è un hub della Ferrovie Sud Est (FSE), con collegamenti diretti (anche se lenti) verso Alberobello, Bari, Taranto e Lecce. Brindisi può essere raggiunta prendendo i servizi ferroviari FSE fino a Francavilla Fontana e poi cambiando per un autobus.

La stazione ferroviaria di Martina Franca è in discesa dal centro della città, e all’arrivo i visitatori devono camminare per 10-20 minuti per raggiungere la bella parte della città. C’è un percorso diretto veloce, ma è difficile da navigare all’arrivo (è più facile sul percorso di ritorno, una volta che sei dotato di una mappa della città). Un modo più semplice è lasciare la stazione e seguire Viale della Stazione che curva a destra. Quindi a sinistra lungo Via Alessandro Fighera fino all’incrocio con Corso Italia. Svolta a sinistra e segui questa lunga strada dritta fino a raggiungere Piazza XX Settembre, il principale punto di accesso al centro storico.