Porto Badisco - Turismo in Puglia

Porto Badisco

By admin 0 Comment Aprile 15, 2019

Porto Badisco, città dell’Adriatico del Salento, situata a sud di Otranto, sulla bellissima strada costiera Otranto-Santa Maria di Leuca. È un porto naturale con acqua cristallina, protetto da due costoni rocciosi ai lati e da una collinetta sul retro, quindi con acqua calma, limpida e fresca, conosciuta anche per la sua famosa Grotta dei Cervi.

Porto naturale sulla costa adriatica del Salento, Porto Badisco si trova a nord di Punta Scuru e circa 12 km a sud di Otranto. La città di mare ha una spiaggia di dimensioni modeste, abbracciata teneramente da due costoni rocciosi di granito che la proteggono dal vento, rendendo il mare calmo, quasi in tutti i periodi dell’anno. Di fronte al mare, sarà molto facile trovare un buon ristorante di pesce. Conosciuto per la chiarezza e la pulizia dell’acqua, che, fresco e cristallino, Porto Badisco regala momenti rigeneranti di piacere, dimenticando il calore del sole. Conosciuta anche per la magnifica scena subacquea, adatta per la pesca di tutti i tipi e lo snorkeling, la possibilità di noleggiare barche e il bellissimo paesaggio.

Scoperta estremamente importanti, per lo studio della preistoria, è stata la scoperta della “Grotta dei Cervi”, così chiamata per il numero di scene di caccia dei cervi dipinte sulle pareti. Questi dipinti e altri sparsi per la grotta sono la prova della presenza di esseri umani, che hanno abitato questa zona fin dal Paleolitico superiore fino al Mesolitico e al Neolitico. Alcune figure dipinte richiamano quelle trovate nelle caverne in Spagna e nel Mas d’Azil. La leggenda narra che, Enea, si fermò nel suo viaggio qui a Porto Badisco.

Secondo la leggenda fu proprio qui che Enea arrivò dopo il suo viaggio descritto nell’Eneide di Virgilio. Si tratta però di una interpretazione controversa in quanto anche la città di Castro sostiene di essere stata l’approdo di Enea. Tutti quelli che visitano Porto Badisco non possono non visitare la già nominata Grotta dei Cervi, un luogo unico che reca con sè tracce databili persino al neolitico. In questa zona ci si potrà sbizzarrire nello scoprire numerose calette di una bellezza unica. Proseguendo in direzione di Santa Cesarea-Leuca inoltre, è possibile visitare anche la cosiddetta Grotta delle Striare caratterizzata una un’entrata attraversata in diagonale da una lingua di roccia.